Cerca
  • Massimo Altobello

L’agricoltura di precisione: cos'è e a cosa serve.

Aggiornato il: gen 16

L’agricoltura di precisione è un sistema integrato di metodologie e tecnologie progettato per incrementare la produzione vegetale, la qualità e la produttività di un’azienda agricola.

Si basa su un principio fondamentale: “fare la cosa giusta, nel posto giusto e al momento giusto, con la giusta quantità”, rispettando le reali necessità delle piante.

Nell'agricoltura tradizionale, il coltivatore deve in qualche modo capire come dosare l’acqua e il concime da dare ai terreni, con l'agricoltura di precisione sarà possibile pianificare gli interventi lavorando con un cruscotto predittivo.

IL modello si basa sulla necessità delle piante, misurando e calcolando in modo esatto e con precisione accuratissima, grazie ad algoritmi previsionali e all'esistenza di dispositivi intelligenti che consentono di gestire l’agricoltura, su larga e piccola area, e il controllo dello stoccaggio.

Tra le tecnologie trasversali, la sensoristica (es.: proximal sensing, droni, sensori ottici, termici, spettrali, NDVI, IR, ecc.) e l’elaborazione e gestione dei dati (es.: image analysis, computer vision, geostatistica, Decisional Support System, Big Data management, ecc.).

https://www.maniola.net/agricoltura-di-precisione

https://www.maniola.net/viticoltura-e-frutteti

https://www.maniola.net/serre-e-vivai

https://www.maniola.net/prodotti


L’agricoltura di precisione è, inoltre, riconosciuta dal Ministero delle Politiche Agricole che, con il Decreto 33671 del 22.12.17, ha pubblicato le “Linee guida per lo sviluppo dell’Agricoltura di Precisione in Italia. Si tratta di un documento di riferimento per lo sviluppo e la gestione di questo nuovo modo di gestire le tecniche produttive in diversi settori dell’agricoltura (dalle colture estensive alle orticole alla viticoltura e frutticoltura) ma anche in selvicoltura e in zootecnia.

Le Linee Guida, rappresentano un vademecum ragionato di proposte e fonti tecniche, normative e scientifiche, che oltre a definire i principi, i metodi e le tecnologie, individua le azioni e gli strumenti idonei per raggiungere, entro il 2021, l’obiettivo di gestire in Italia il 10% della superficie agricola coltivata. Tutte le informazioni sono state ordinate per favorire la gestione aziendale (agricola, forestale e zootecnica) con strumenti e tecnologie nuove, ottimizzando i rendimenti nell’ottica di una sostenibilità avanzata di tipo climatica ed ambientale, economica, produttiva e sociale.

Le stime previsionali per l’agricoltura di precisione confermano l’orientamento in atto verso il suo sviluppo e come la sua diffusione sia destinata ad aumentare rapidamente nel tempo. Si parla di un mercato che dovrebbe crescere del 20% annuo e con un valore che, nei prossimi 5 anni, potrebbe raggiunga i 4,5% miliardi a livello mondiale, di cui un miliardo nella sola Europa.

28 visualizzazioni